• Chiamaci: (+39) 079 233476
  • info@agapeconsulting.it

Perché insegnare a scrivere efficace fa bene a chi scrive

1 agosto 2013

Entrare in aula per trasmettere le regole della scrittura professionale e del web marketing a un gruppo di giovani partecipanti ad un corso per “Tecnico delle attività di vendita” è stata un’esperienza molto formativa anche per me.
Un’esperienza che mi ha arricchito sia a livello umano che professionale.
Un’esperienza che mi ha permesso di uscire dalla sicura “soglia di comodità” della mia “solitaria” vita da writer dietro la scrivania per affrontare quella più impegnativa della gestione e del confronto col gruppo
Già, avere a che fare con allievi significa impegnarsi ancora di più a:

  • usare semplicità e chiarezza per spiegare i diversi argomenti
  • stimolare la creatività spronando all’uso della fantasia e del pensiero laterale per uscire dagli stereotipi e aprire nuove possibilità
  • rendere interessante e convincente la lezione in modo da catturare e tenere desta l’attenzione

Elementi, a ben pensare, del tutto in linea con i principi che stanno alla base del business & web writing efficace.  

Vinta la timidezza iniziale, insomma, le docenze appena concluse (svolte per conto di Lariso, cooperativa sociale onlus di Nuoro che ringrazio per l’opportunità) si sono rivelate un’ottima occasione per mettermi in gioco, essere più sicura nel parlare in pubblico (cosa che, in genere, evito), approfondire la materia imparando cose nuove.   

Oltre che per imparare ad avere la pazienza e l’umiltà di accettare anche obiezioni e diffidenze da parte di qualcuno meno disposto (e anche questo è capitato) a lasciarsi alle spalle linguaggio omologato e autoreferenzialità nel proprio modo di comunicare per iscritto (per paura di perdere la propria credibilità e reputazione).
Dopo decenni di “antilingua”, d’altronde, avere titubanze su come gli altri possano interpretare una comunicazione più semplice e vicina ai bisogni di chi legge, può far parte delle resistenze di chi è ancora convinto che la propria considerazione sociale dipenda da quanto si riesce a scrivere in modo complesso (pur se noioso!). 

Per questo, è con piacere che ringrazio i ragazzi che hanno partecipato al corso: per la loro freschezza, per l’interesse e per l’impegno con cui, esercitandosi e migliorando di volta in volta, hanno seguito e cercato di mettere in pratica le lezioni. 
E sentire qualcuno di loro, a fine corso, dire che le buone pratiche della scrittura professionale applicate a mail e lettere di presentazione erano già tornate utili per raggiungere i propri obiettivi, è stata la migliore gratificazione a cui potessi aspirare come docente.
Un riconoscimento che, lo confesso, mi stimola a proseguire in questa nuova e affascinante esperienza: prossimo impegno, in autunno, il corso “Comunicare e vendere su Internet” organizzato dall’ EBTER delle provincie di Sassari e Olbia Tempio nel quale mi occuperò di dare qualche dritta sul web marketing e su come scrivere per il web. (Vedi news)