• Chiamaci: (+39) 079 233476
  • info@agapeconsulting.it

L’empowerment

15 giugno 2009

Secondo Massimo Bruscaglioni, uno dei massimi esperti italiani della formazione, l’empowerment è un processo di aumento del potere.

Il power, il potere di cui si occupa l’empowerment non è primariamente quello (che spesso per primo viene in mente) di qualcuno su qualcun altro; è invece soprattutto il potere come patrimonio personale di chi lo possiede, lo ha in sé, lo può poi usare nel rapporto con le cose e le persone importanti nella sua vita.

 La parola "potere" ha infatti almeno due significati ben distinguibili:

  • potere "relazionale": potere di qualcuno su qualcun altro, "influenza" nella sua definizione più semplice. E’ il significato di potere più diffuso nella cultura
  • potere "personale": potere che sta dentro la persona, che significa soprattutto "possibilità". E’ un potere legato all’affacciarsi della persona col mondo esterno e alla sua capacità di utilizzare al meglio le proprie caratteristiche, risorse, possibilità.

Sviluppare questo potere personale significa aprire nuove e maggiori possibilità positive all’interno di sé, tra le quali la persona può scegliere, in base al momento e al contesto, quali rendere operative nel rapporto con l’ambiente.

Aumentare le possibilità aumenta il potere della persona che sa di poter scegliere e di potersi sentire, almeno in parte, responsabile e protagonista della propria vita.

E’ un potere personale che permette alla persona la flessibilità, anziché la rigidità; che permette di cambiare armonicamente e attivamente, anziché subire passivamente il cambiamento; che permette di rispettare i propri valori e il proprio modo di essere, anziché cercare di trasformarsi in qualcosa altro da sé.